Testimonianze Lorenzin, Rossi, Milillo

testimonianze - beatrice lorenzin

Beatrice Lorenzin – Ministro della Salute

..II nostro Servizio sanitario nazionale é un bene comune che va difeso, potenziato e innovato. Oggi, il nostro compito é costruire un sistema capace di essere piu’ vicino alle persone e ai bisogni di salute che essi esprimono.

Come ben sapete, I’invecchiamento progressivo della popolazione, con conseguente aumento delle patologie cronico degenerative, della comorbosità e della non autosufficienza, il cambiamento della struttura della famiglia, I’incremento della popolazione immigrata, Ie nuove condizioni socio-economiche e l’assistenza ai pazienti fragili, hanno modificato i bisogni di salute e stanno sempre più richiedendo uno spostamento del baricentro della risposta  sanitaria dall’ospedale al territorio, dove al meglio può esprimersi I’assistenza sanitaria e sociale. 

L’obiettivo principale che dobbiamo realizzare é quello di garantire un’offerta adeguata di assistenza sul territorio assicurando la continuità delle cure nel rispetto dei criteri dl accessibilità e di equità.

E’ necessaria una medicina che rafforzi la rete delle cure primarie secondo principi di collaborazione ospedale-territorio, di continuità assistenziale, di appropriatezza del luogo di cura. A tal fine il Ministero della Salute ha messo in atto una serie di interventi di politica sanitaria finalizzati alla riduzione del differenziale tra le varie Regioni attraverso un maggiore coinvolgimento dei medici di medicina generate nel governo della domanda e dei percorsi sanitari.

I medici di medicina generate, infatti, rivestono un ruolo centrale, attraverso I’integrazione con Ie altre professionalità del territorio determinano lo sviluppo di forme di assistenza primaria in grado di rispondere ai nuovi bisogni di salute dei cittadini per mezzo di nuovi percorsi assistenziali in grado di garantire I’efficacia della continuità delle cure.

L’assistenza sanitaria di base é il primo IiveIIo attraverso il quale gli individui, Ie famiglie, la collettività entrano in contatto con il sistema sanitario nazionale, avvicinando il più possibile I’assistenza sanitaria ai luoghi dove Ie persone vivono e lavorano, costituisce il primo elemento di un processo continuo di protezione sanitaria.

Per questa ragione occorre che tutti assieme collaboriamo a preservare la funzione primaria dei medici di famiglia di essere vicini alla collettività e di saper cogliere, prima di ogni altro, i bisogni di salute dei cittadini.

Nell’apprezzare, pertanto, questa Vostra iniziativa, formulo agli intervenuti il più vivo augurio di buon lavoro e un cordiale saluto.

Beatrice Lorenzin – Ministro della Salute

 

 

 

 testimonianze - Enrico Rossi

Enrico Rossi – Presidente della Regione Toscana

Anche quest’anno saluto con piacere tutti i partecipanti, professionisti e cittadini, al Convengo del Consiglio Regionale della Toscana in occasione della Festa del Medico di Famiglia.

Oggi più che mai, questa importante figura professionale assume una posizione di rilievo all’interno della “rete comunicativa” che  deve essere necessariamente costruita a misura di paziente.

Favorire una riflessione tra la figura del medico di famiglia e i cittadini, per condividere le esperienze assistenziali tipiche della medicina del territorio, significa rafforzare la relazione di fiducia tra le persone e il Sistema Sanitario Nazionale. E questo per me e per l’ente pubblico che ho l’onore di presiedere risulta una tappa fondamentale per continuare a seguire con impegno e costanza la strada verso il miglioramento e l’evoluzione della sanità pubblica.

Enrico Rossi – Presidente della Regione Toscana

testimonianze - giacomo milillo

Giacomo Milillo – Segretario Generale Nazionale Fimmg

Festa del medico di famiglia importante occasione di comunicazione per la Categoria. L’8 novembre Fimmg aderisce al Convegno nazionale di Firenze.

La Festa del medico di famiglia, nata su iniziativa dei colleghi toscani nel 2010, è diventata per la nostra Categoria una importante occasione di comunicazione del ruolo del medico di medicina generale come colui che sta al fianco delle persone per assisterle nelle loro aspirazioni alla salute e al benessere e nei loro bisogni di attenzione e di cura.

Negli anni si è diffusa a livello nazionale con convegni, workshop, iniziative nelle piazze, nei centri commerciali, nelle scuole, a teatro fino a manifestazioni sportive che coinvolgono i medici e i loro assistiti. Una settimana di iniziative che coinvolgono sindaci, presidenti e assessori regionali, ASL e soprattutto i cittadini.

Un appuntamento in cui il medico prende l’iniziativa, organizza momenti di incontro per parlare e confrontarsi con le persone sui temi che attengono alla salute, informa, coinvolge gli altri operatori del sistema sanitario. E’ lui, il medico di famiglia, il tramite di fiducia delle persone con il mondo dei servizi sanitari.

Nell’auspicio che la Festa si diffonda sempre di più e coinvolga tutti i colleghi a livello nazionale, la FIMMG nazionale ringrazia il Comitato Promotore della Festa che ci regala ogni anno questa importante opportunità. Noi della FIMMG nazionale collaboriamo alla riuscita della Festa prendendo parte al Convegno Nazionale del Medico di Famiglia, che si svolgerà a Firenze l’8 novembre e ad altre occasioni in programma.

Giacomo Milillo – Segretario Generale Nazionale Fimmg