Il costo (elevato) di un po’ di vita in piu’

capsula di euroQuanto valgono tre mesi di vita? Costi altissimi dei farmaci oncologici

A fronte della spesa sanitaria sempre più alta si apre il dibattito su quale sia il reale rapporto costo-beneficio e la qualità della vita a cui vanno incontro i pazienti

Fino ai primi anni 2000 negli Usa un anno di trattamento con un farmaco oncologico costava, in media, meno di 10mila dollari per paziente; dal 2005 al 2011 la cifra è salita a 30-50mila dollari. Nel 2012, dei 13 nuovi farmaci approvati dalla Fda (Food and Drug Administration) 12 costavano più di 100mila dollari per anno.In Europa la tendenza è stata più o meno la stessa Nelle ultime settimane si è discusso molto del prezzo del Sofobuvir, farmaco contro l’epatite C. Volendo però riflettere in puri (e duri) termini farmacoeconomici, un medicinale come questo, a fronte di una spesa “secca”, per quanto ingente, guarisce un malato di epatite C e solleva il Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) dai costi, diretti o indiretti, che deve sostenere per lui. Ci si potrebbe allora chiedere, seguendo lo stesso criterio, se la spesa per i farmaci oncologici “renda” altrettanto, e in che termini valga la pena che la società se ne faccia carico. «È un problema reale, — commenta Gianpiero Fasola, presidente del Cipomo (Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri) e direttore del Dipartimento di oncologia dell’ospedale universitario di Udine — visto che nel primo semestre del 2014 la spesa farmaceutica ospedaliera ha già sforato il tetto previsto di ben 747,7 milioni di euro, e gran parte di tale spesa è dovuta ai farmaci oncologici.


Leggi l’intero articolo>>