Ebola, contagiato anche il medico in prima fila nella lotta al virus

sheik umar kanSheik Umar Khan, virologo di 39 anni, aveva in cura un centinaio di pazienti. A giugno aveva detto: «Ho paura per mia vita, noi operatori sanitari siamo a rischio»

Ebola non ha risparmiato Sheik Umar Khan, medico in prima fila nella difficilissima lotta contro il virus in Sierra Leone, risultato positivo e ricoverato a Kailahun, in un centro gestito da Medici senza frontiere. Virologo di 39 anni, definito “eroe nazionale” dal ministro della Salute della Sierra Leone Miatta Kargbo, Khan stava conducendo una battaglia feroce contro il virus che nel suo Paese ha ucciso 206 persone (con 442 casi di contagio): ne aveva in cura un centinaio, cercava di strapparli a un destino segnato. Ebola infatti non perdona: ha una mortalità al 90%, non esistono cure né vaccino. I sintomi sono diarrea, vomito, emorragie interne ed esterne. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, ad oggi sono più di 630 i decessi nei tre Stati dell’Africa occidentale colpiti – Guinea, Sierra Leone Liberia – da febbraio, quando l’epidemia è scoppiata nel sud-est della Guinea. I casi di contagio sono 1.048. La corsa del virus pare inarrestabile e mette a durissima prova i sistemi sanitari dei tre Paesi, tra i più poveri del continente.

Leggi l’intero articolo su Il Corriere>>
testata corriera della sera

Clicca “mi piace” sulla nostra pagina FB mi piace la festa del medico di famiglia