«Diritto alla salute meno garantito»